9 tipi di pagine Web che ogni Seo dovrebbe conoscere

Prima di entrare nel vivo di questa guida alle pagine web specifichiamo subito una cosa. Quando si parla di SEO, ogni pagina deve essere considerata come una landing page. E per “ogni pagina” si intende, ogni singola pagina che può essere visionata e indicizzata da un motore di ricerca.

Quindi se non si vuole che il motore di ricerca indicizzi una pagina sarà bene, impedirgli di farlo. Tutto il resto che sia presente sul proprio sito deve essere trattato come una landing page. Detto questo, quindi, cosa rende una landing page buona? Ci sono molte risposte a questa domanda ed hanno a che fare con il design, l’usabilità, le conversioni etc.

Una buona landing page:

  • Cattura l’attenzione dell’utente
  • Affronta i suoi bisogni, desideri e necessità
  • Risponde a domande importanti e rilevanti
  • Spinge il lettore a prendersi la soluzione che offri
  • Spinge il lettore a fare una certa azione
  • Forza l’utente a farlo

Ora, tenendo presente tutto questo, è chiaro che ogni pagina di un sito Web richiede l’attenzione di un professionista SEO. Questo perché non c’è alcuna pagina che esuli dalle mire della SEO stessa.

Se una pagina è rilevante per un visitatore allora lo è anche per la SEO. Ma non tutte le pagine sono create uguali. Ogni pagina di un sito dovrà:

  • Avere uno scopo unico
  • Attirare una audience differente
  • Portare i visitatori a scopi differenti

È compito di un SEO quella di determinare quali pagine apportano le maggiori opportunità di guadagno in una campagna di marketing digitale.

Detto questo, andiamo ora a discutere quali sono tipicamente le pagine più importanti in una campagna di ottimizzazione e perché.

come ottimizzare diverse pagine web

Pagine alle quali ogni SEO dovrebbe prestare attenzione

1 – Home Page

La Home è in genere una delle pagine uniche più visitate all’interno di un sito, molto spesso è la prima pagina che un visitatore guarda. Ma sia che un visitatore arrivi alla tua home per prima oppure ci arrivi da una pagina interna, ci sono certe aspettative su quello che vuole trovare.

L’Home page deve essere una visione globale di quello che offre un sito web. Dovrebbe dare al visitatore una “visione d’insieme” dei prodotti e servizi che offri e perché dovrebbero fare business con te. La Home page agisce da apripista per l’utente e deve portarlo a iniziare il suo viaggio all’interno del sito dove troveranno più dettagli su quello che offri.

La migliore e sostenibile strategia per ottimizzare una home page è di concentrarsi sul nome brand dell’azienda, prodotto o servizio. In seguito si dovrà ottimizzare la pagina per migliorare i click che riceve e il coinvolgimento. Rankare serve solo ad aumentare le possibilità di ricevere click.

Poi bisogna chiedersi:

  • Cosa vedono gli utenti nella SERP?
  • Riesce a portare gli utenti al click?
  • Una volta che l’utente ha cliccato, quello che vede rispecchia il contenuto che si aspettava dandogli una ragione per rimanere sul sito?

Parte del lavoro del SEO è vedere le performance di ogni pagina del sito. Se la Home non fa un buon lavoro nel tenere incollati i visitatori al sito, bisogna lavorare di più, è evidente.

2 – La pagina “Chi Siamo”

Alcuni studi testimoniano che i clienti che hanno visto la pagina “Chi Siamo” sono più inclini a convertire rispetto a quelli che non l’hanno fatto.

Questa statistica dice molto:

  • Può essere il sintomo che i visitatori che intendono convertire visitano prima la pagina Chi Siamo.
  • Oppure può essere che gli utenti che visitano la pagina Chi Siamo ne restino influenzati e diventino più inclini a convertire se la pagina soddisfa le loro esigenze.

In teoria entrambe le opzioni possono essere realistiche. Ma in ogni caso appare chiaro che la pagina “Chi siamo” giochi un ruolo importante nel processo di conversione.

3 – La pagina “Contatti”

Se un utente visita la pagina contatti lo fa per una sola ragione: ottenere informazioni su come contattarti. Non si può sapere cosa faranno dopo con quelle informazioni. Telefonare, mandare email o qualsiasi altra cosa. L’ottimizzazione di questa pagina parte dal luogo della propria azienda o business.

Per ottimizzare la pagina quindi ci si può muovere così:

  • Trova quello che gli utenti cercano che sia più rilevante per la tua area
  • Integra una mappa nella tua pagina contatti
  • Aggiungi un “reach snippet” visibile dalla serp con numero di telefono e indirizzo

In generale fai in modo che per le persone sia semplice entrare in contatto con te.

4 – Pagine di categorie e sub categorie di prodotto

Categorie di prodotto e sottocategorie offrono fantastiche opportunità di ottimizzazione. Nel ciclo di acquisto queste pagine molto spesso servono a chi si trova in fase di shopping. Ciò significa che questi visitatori hanno una buona idea di quello che vogliono, ma vogliono saperne di più su altre opzioni disponibili.

Da un punto di vista SEO queste pagine sono una miniera d’oro dell’ottimizzazione. Le parole chiave coperte da queste pagine in genere non sono tanto generiche da perdere tutto il loro valore, ma non sono nemmeno troppo specifiche tanto da perdere tutto il volume di ricerca.

Tuttavia queste pagine rappresentano un po’ un problema. Le pagine necessitano di contenuto per essere ottimizzate, ma i visitatori di queste pagine non vogliono “contenuto” vogliono solo vedere i prodotti.

Una soluzione potrebbe essere cercare il modo giusto per aggiungere contenuto all’interno della pagina senza minare la user experience.

5 – Pagine di dettaglio del prodotto

Quando un visitatore di trova nella fase di acquisto del ciclo di vendita, visiterà molte pagine che riportano i dettagli del prodotto. Quando si spostano nella fase di acquisto significa che hanno raccolto abbastanza informazioni per sapere piuttosto chiaramente quello che vogliono. Stanno solo guardando ai dettagli minimi e decidendo quale versione del prodotto desiderano e da dove acquistare.

Quando bisogna ottimizzare le pagine prodotto, la keyword research diventa quasi irrilevante. Ciò accade perché ci sono talmente tante variabili che è impossibile concentrare il contenuto di queste pagine su tutte le potenziali variabili.

Ma ciò rende inspiegabilmente più semplice ottimizzare queste pagine. Tutto sta nella costruzione del contenuto della pagina.

Così come per qualsiasi altra pagina si va ad ottimizzare il title, la description, il testo alt, i tag etc. Ma mentre le altre pagine hanno bisogno di un approccio particolare, le pagine prodotto possono essere ottimizzate in massa usando l’inserimento dinamico di parole chiave.

6 – Le pagine di domande frequenti (Faq)

Le pagine di domande frequenti sono diventate davvero importanti. Mentre cerchi di fare in modo di rispondere a quante più domande possibile all’interno del tuo sito, le pagine FAQ offrono un hub dove concentrare tutto ciò che è richiesto più di frequente.

Se non sei sicuro di quali siano le domande più frequenti nel caso del tuo business, sarà la ricerca di parole chiave a dirtelo.

Usa le tue keyword con i classici:

  • Chi
  • Come
  • Dove
  • Quando
  • Cosa

Così avrai creato la tua pagina di Frequently Asked Questions.

7 –  Categorie del Blog e Pagine di Tag

Ogni blog necessita di categorie all’interno delle quali inserire i post. Nella propria strategia si può scegliere di taggare i propri post per le keyword per le quali sono rilevanti. I lettori che navigano il blog potranno usare le categorie e i tag per trovare contenuti correlati. Le categorie e le pagine taggate possono essere ottime landing page.

Inserisci un po’ di testo ottimizzato all’inizio delle pagine e di seguito i post del blog a riempire il resto del contenuto. Questa è un’occasione ulteriore per rankare per frasi che non si trovano targettizzate nel tuo sito.

8 – I post del blog

I post del blog vanno ottimizzati e creati per approfondire ed esplorare argomenti che non puoi trattare sul sito principale. Ogni post del blog può essere ottimizzato per uno specifico bisogno di chi cerca e usato per portare traffico in target verso il tuo sito.

Ma portare visitatori verso il tuo sito non è abbastanza. Devi assicurarti che il post contenga abbastanza call to action per riportare al sito principale.

9 – I PDF

Tecnicamente non si tratta di pagine Web, ma i PDF spesso giocano un ruolo importante nel fornire informazioni importati ai tuoi visitatori, anche se in un formato differente. I PDF possono essere ottimizzati nelle proprietà del documento dove si può specificare Titolo, Autore, Soggetto e Parole Chiave.

Share This Post
Ti è piaciuto l'articolo?
1 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>