Alternative a Google Adsense per monetizzare il proprio sito

alternative a google adsense

Conosci già Google Adsense ma sei in cerca di alternative per monetizzare i tuoi siti web? In effetti ci sono molte possibili soluzioni per monetizzare un sito, basta solo informarsi nel modo giusto. Qui vogliamo parlarti delle varie alternative all’utilizzo di Adsense per rendere profittevoli i tuoi progetti web. Il servizio della pubblicità di Google infatti non è certo l’unica alternativa se desideri guadagnare dai tuoi siti.

Diciamo solo che ogni tipo di monetizzazione per i siti ha i suoi vantaggi e svantaggi, quindi sei tu che dovrai scegliere il metodo da adottare che sia più vicino alle tue esigenze e competenze.

In generale una cosa è certa. Nessun metodo esistente per guadagnare online monetizzando le visite al proprio sito, garantisce di diventare ricchi in un giorno e senza fatica.

Alternative a Google Adsense

Se intendi guadagnare con il tuo blog devi sapere che non si tratta di un’operazione impossibile, ma neanche semplicissima. Il metodo più semplice e conosciuto per guadagnare online è quello di utilizzare Google Adsense. Questo è il programma pubblicitario di Google che permette di guadagnare esibendo annunci testuali, banner pubblicitari e altre forme di advertising nel proprio sito.

Se scegliere Google Adsense sembra spesso la soluzione più logica visto che è veloce e semplice aderirvi, non sempre è la scelta migliore. Non è detto che i guadagni siano soddisfacenti e quindi magari si vogliono cercare alternative più profittevoli, ma non solo.

Spesso può succedere di essere bannati da Adsense oppure si può vedere il proprio account disattivato per qualche motivo. Queste sono tutte ragioni valide per cercare alternative valide ad Adsense.

Ora se sei stato bannato e vuoi indietro il tuo account al 90% la cosa è impossibile perché Google difficilmente ripristina account bannati.

Se invece vuoi semplicemente conoscere altri modi per monetizzare le visite del tuo sito seguici perché stai per scoprire che le vie del web per monetizzare sono anche altre e possono essere anche molto più redditizie di Adsense.

Guadagnare con le affiliazioni

Le affiliazioni sono un metodo eccezionale di guadagno passivo, uno dei metodi prediletti dai marketer. Con il sistema delle affiliazioni possono essere riconosciute agli affiliati revenue davvero importanti che in alcuni casi possono arrivare a toccare anche il 70% del totale pagato da chi effettua un acquisto tramite il tuo sito.

guadagnare con le affiliazioni

Come funzionano le affiliazioni?

Il sistema alla base delle affiliazioni è molto semplice. Facciamo un esempio pratico per spiegarlo in breve.

Mettiamo che l’azienda X abbia un prodotto e decida di venderlo sul mercato anche attraverso le affiliazioni. L’azienda apre un programma di affiliazione e permette a chi lo desideri di pubblicizzare il proprio prodotto attraverso qualsiasi tipo di piattaforma.

Se hai un sito, ecco questa è la tua piattaforma. Qui tu puoi scegliere di pubblicizzare il prodotto dell’azienda X partecipando al suo programma di affiliazione. Per ogni cliente, vendita o lead generato tramite il tuo sito, l’azienda offrire una fee, un pagamento di qualche tipo.

Ecco alcuni esempi di programmi di affiliazione:

Pay Per Click (PPC): qui la remunerazione è legata a quanti click vengono generati. Quindi ogni qual volta sul tuo sito verrà cliccato un banner o un link tu puoi guadagnare cifre che solitamente vanno da 1 centesimo a 20 circa. Quindi l’obiettivo è quello di creare contenuti che focalizzino l’attenzione dell’utente proprio verso il click sul link stesso e aumentare le conversioni.

Pay Per Sale (PPS): ora invece l’evento da generare è la vendita stessa di un prodotto. Non ti basta più il click. L’utente una volta cliccato il banner o link tracciato al sito del venditore deve completare l’azione facendo un acquisto. Tu riceverai una percentuale su quanto pagato dal cliente, solitamente un 5-10% del totale.

Pay Per Lead (PPL): qui invece si viene pagati quando il potenziale cliente dopo aver cliccato compie l’azione di iscriversi al servizio pubblicizzato. In questo caso si viene ricompensati ad esempio attraverso un CPA (cost per action) l’azione da remunerare è decisa da chi offre l’affiliazione. Si può scegliere se pagare per l’iscrizione o se pagare al momento dell’utilizzo effettivo del servizio.

Guadagnare vendendo prodotti o servizi

Online ci sono altri modi per monetizzare le visite e il traffico in entrata sui propri siti. Ad esempio c’è anche la possibilità di guadagnare vendendo un proprio prodotto o servizio.

Un classico caso è quello degli infoprodotti. Ciò significa che tu puoi scegliere di creare qualche tipo di contenuto come video, webinar, e-book o video corsi e venderli online a chi fosse interessato.infoprodotti

Facciamo un esempio per spiegare in cosa consiste questo metodo. Diciamo che tu sei un programmatore abbastanza esperto da poter insegnare agli altri come si programma.

Se hai sul tuo sito un pubblico di persone che possano essere interessate alla programmazione potresti creare dei contenuti in cui spieghi come si fa e da dove iniziare e farti pagare per condividerli.

La vendita di infoprodotti è qualcosa che può diventare davvero molto redditizio. Ci sono persone che guadagnano anche migliaia di euro al mese attraverso la vendita di infoprodotti creati appositamente per la propria audience.

Noi abbiamo fatto l’esempio della programmazione ma la stessa cosa si può applicare a qualsiasi altro settore. Ad esempio se hai un blog di cucine potresti creare una serie di video che insegnano alcuni trucchi del mestiere o ricette speciali e così via.

Guadagnare con la pubblicità

Un modo per monetizzare abbastanza simile a quello di Google Adsense è quello di aggiungere la pubblicità al suo sito.

Ad esempio puoi decidere di inserire dei banner promozionali e ottenere un’ulteriore forma di guadagno per il tuo blog. Per farlo puoi usare direttamente di plugin di WordPress che ti permettono di gestire la cosa in modo semplice sul tuo sito o blog.

Per guadagnare dalla vendita si spazi pubblicitari è molto importante fare in modo che il proprio sito sia molto verticale su un determinato argomento, ovvero deve trattare da vicino un argomento specifico approfondendolo.

Inoltre come requisito per guadagnare con questa forma di pubblicità c’è quello di riuscire a fare un gran numero di visite così che qualcuno sia veramente disposto a pagare per mantenere la pubblicità sul tuo blog.

Share This Post
Ti è piaciuto l'articolo?
0 2

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>