Come usare i video per la Link Building

Ho scritto per la prima volta riguardo l’uso di video, in particolare su YouTube, per la Link Building nel 2010. Ecco il mio paragrafo di apertura di quel pezzo:

“Nylon Magazine (e sì, so che sono troppo vecchio per leggerlo) ha iniziato a inserire un link YouTube in ogni articolo della loro rivista di stampa. È un modo fantastico di mescolare i media e utilizzare i metodi offline per promuovere il marketing online. Jamie Oliver invia e-mail ai suoi abbonati con messaggi video. Questo va a (hai indovinato) il suo canale YouTube.”

Se stai leggendo questo oggi, probabilmente non sembra qualcosa di troppo unico, vero?

In effetti, sembra piuttosto semplice. Allora era nuovo. Ora, i video sono ovunque.

  • YouTube non è l’unica piattaforma al giorno d’oggi ma è ancora forte. Vimeo, Vivo, Daily Motion e Twitch sono quattro competitor e sicuramente ne usciranno di più.
  • I video sono comunemente incorporati nelle newsletter e nei siti Web.
  • I webinar avvengono senza sosta e possono essere visti dal vivo o riprodotti.
  • Stiamo tutti su Google Hangouts o facendo meeting con GoToMeeting.
  • Vediamo i nostri amici su Facebook Live.
  • Certamente condivideremo tutti i video da ogni possibile fonte su ogni piattaforma social possibile.

Guardiamo queste statistiche che ci vengono da Cisco:

  • I video in diretta su Internet rappresenteranno il 17% del traffico video su Internet entro il 2022.I video live cresceranno di 15 volte dal 2017 al 2022.
  • Il video da Internet alla TV aumenterà di tre volte tra il 2017 e il 2022.I video da Internet alla TV saranno il 27% del traffico video Internet per utenti fissi entro il 2022.
  • Il traffico Video-on-Demand (VoD) dei consumatori raddoppierà dal 2022.La quantità di traffico VoD entro il 2022 sarà equivalente a 10 miliardi di DVD al mese.
  • A livello globale, il traffico video IP sarà pari all’82% di tutto il traffico IP (business e consumer) entro il 2022, rispetto al 75% del 2017.Il traffico video IP globale crescerà di quattro volte dal 2017 al 2022, un CAGR (Compound annual growth rate) del 29%. Il traffico video su Internet aumenterà di quattro volte dal 2017 al 2022, un CAGR del 33%.

È abbastanza chiaro che i video non stanno scomparendo.

Creazione di video per Link Building: Le basi

Fai i tuoi compiti

Come con qualsiasi contenuto, il tuo primo passo prima di creare un video deve essere quello di condurre una ricerca intensiva per vedere cosa c’è già.

  • Quali video funzionano?
  • Quali ottengono il maggior numero di condivisioni e visualizzazioni?
  • Cosa li distingue da tutto il resto? (Ci sono vari modi per ottenere queste informazioni, ma due strumenti popolari sono Ahrefs Content Explorer e BuzzSumo).

È importante ricordare che non puoi misurare il successo semplicemente dal numero di link che i tuoi video ricevono. Forse un video riceve 3 link ma viene condiviso 500 volte su Twitter, guardato 5.000 volte, e poi 4 persone che vogliono utilizzare il tuo prodotto o servizio vengono da te dopo aver visto questo video.

Non lo chiameresti un successo?

Porta qualcosa di nuovo al tavolo

L’originalità sarà sempre una delle principali preoccupazioni nell’utilizzo dei video per fare Link Building. Proprio come qualsiasi altro contenuto, devi pensare a far risaltare i tuoi video. Se stai commercializzando servizi di giardinaggio e vedi che ci sono 500 video di rose da potare, fai un video sui roseti più alti o più longevi del paese, o realizza una serie di video in cui ogni video è specifico per una regione di un paese.

Pensa sempre ad avere una buona illuminazione e suono. Sembra ridicolo doverlo ricordare, ma ho visto molti video di scarsa qualità. Se le persone non riescono a vederti bene o l’audio è troppo basso / ci sono rumori di sottofondo, le persone non continueranno ad assistere al video.

Assicurati che i tuoi video appaiano ottimizzati sui dispositivi mobili. Con così tanti utenti mobili questo è qualcosa che deve essere considerato. Non dimenticare di rendere più semplice la condivisione dei tuoi video. Questo è fatto per te in automatico su YouTube ma devi assicurarti che sia fatto sul tuo sito se hai incorporato il video lì.

 Youtube

Per prima cosa, controlliamo alcune statistiche:

  • Ogni mese ci sono oltre 1,9 miliardi di accessi su YouTube.
  • Ogni giorno la gente guarda oltre un miliardo di ore di video.
  • YouTube è stato lanciato in quasi 100 paesi e in 80 lingue diverse.
  • YouTube è attualmente il secondo sito più popolare al mondo, dopo Google.

Tornando al mio esempio di rose da potare, vediamo che due dei tre risultati video nella prima pagina della SERP per la ricerca “rose da potare” sono risultati di YouTube. In molti casi, tutti e tre sono risultati di YouTube.

In parole povere, senza video si perde la possibilità di avere più visibilità per quella SERP e, a mio parere, si perde la possibilità di visibilità che può portare ad alcuni link potenzialmente fantastici.

Diamo un’occhiata al Search Engine Journal su YouTube. Al momento ci sono oltre 6.800 abbonati e centinaia di video. Ovviamente, come editorialista del Search Engine Journal, sono un po’ prevenuto, ma questo è un contenuto fantastico. Come link builder, il contenuto fantastico è il mio sogno. Come potete vedere qui di seguito, il canale YouTube per questo stesso sito appare come uno dei 10 elenchi delle SERP su una ricerca di marca per [Search Engine Journal]. Quindi è un ottimo modo per acquisire più visibilità per il tuo marchio in prima pagina.

Ciascuno di questi video, come qualsiasi altro contenuto, è una possibilità di link. Perché siamo tutti interessati ai link qui.

Perché il video è così utile

I video possono essere incorporati in un sito per rendere il contenuto più attraente. Ciascuno può essere utilizzato come risorsa per indirizzare qualcuno a quando si sta tentando di costruire una relazione che porterà a un collegamento.

Le playlist possono essere create e offerte come risorse. Trascrizioni e marcatempo possono essere aggiunti ai siti in cui sono incorporati i video. Ciascuno di questi video può essere visualizzato nelle SERP in una ricerca normale o in una ricerca video. Quando invii la tua newsletter, puoi indirizzare i tuoi abbonati a video specifici. Puoi far sapere a tutti che hai una nuova serie. Puoi richiedere le domande a cui le persone vorrebbero avere una risposta nel tuo prossimo video. Se sei un fan della tecnica Skyscraper in cui trovi un contenuto, fai qualcosa di meglio, quindi raggiungi le persone che attualmente linkano ai contenuti originali, il video è un ottimo modo per emergere.

Un esempio del mondo reale

Alcuni mesi fa sono stato coinvolto in un video in cui ho parlato della link building vecchia scuola. Questo video fa parte di una serie con Siege Media, che è catalogato su YouTube e sul sito web. Per la prima volta, sono state rilasciate delle clip dei video invece del solo video completo, e sono state rilasciate a settimane di distanza prima che fosse pubblicato l’intero episodio. Con una parte di video puoi fare la stessa cosa che puoi fare con un grande pezzo di contenuto, romperlo e commercializzarli da soli, quindi fare la stessa cosa con il pezzo completo. Guarda come appare questo video sul sito:

Hai i marcatempo (timestamp), che sono molto utili per le persone che vogliono arrivare a un punto specifico. I due video clip sono collegati all’interno di tali marcatempo.

Ci sono le note di presentazione, che fanno riferimento alla discussione che abbiamo avuto insieme a come seguirci sui social media. I pulsanti di condivisione social sono proprio lì. Ci sono link alla versione podcast degli episodi e al canale brand su YouTube. Ci sono anche altri link interni per mantenere il visitatore sul sito.

Tutto ciò si traduce in una grande user experience. Anche questo è un punto importante da notare. Quando pensiamo di costruire link con i video, non si tratta solo di ottenere link ai tuoi video. È grandioso se ciò accade, ma si tratta più dell’uso dei video per generare interesse nei contenuti che attraggono link, direttamente o indirettamente.

Chiudo con un’altra citazione del mio pezzo originale:

“Questo tipo di link building non funzionerà con ogni parte demografica o ogni nicchia. Può essere un modo fantastico per generare più traffico per un sito di moda, ma non è un ottimo modo di ottenere più traffico sul tuo sito sui benefici pensionistici. Alcuni target demografici non utilizzano ancora molti siti di social media.”

Non è più vero. Da quello che posso dire, quasi tutti hanno capito il potere dei social media e dei video. È affascinante quanto velocemente le cose cambino.

Di Lulie Joyce

Fonte: https://www.searchenginejournal.com/link-building-guide/video-youtube/

Share This Post
Ti è piaciuto l'articolo?
0 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>