Google collabora con LegitScript

Dopo aver sospeso gli inserzionisti dei centri di riabilitazione lo scorso anno, Google inizierà ad accettare questi annunci ancora una volta a luglio, ma solo da fornitori certificati. Come promesso lo scorso mese, Google ha introdotto un nuovo processo di certificazione per le strutture di trattamento della riabilitazione e della dipendenza, secondo quanto riportato da Reuters oggi.

Il gigante della pubblicità ha iniziato a limitare gradualmente la pubblicità per la categoria del centro di trattamento delle tossicodipendenze negli Stati Uniti nel settembre del 2017 e nel gennaio di quest’anno aveva rimosso tutte le pubblicità delle strutture di riabilitazione negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Abbiamo contattato Google per un commento e per capire come sarebbe stato implementato questo cambiamento. Un portavoce di Google ha confermato la notizia e alla domanda su come sarebbe gestita questa certificazione, ha affermato che si tratterebbe di un processo in due fasi:

  • A partire da oggi, i fornitori di trattamenti per la dipendenza possono contattare LegitScript e compilare un’applicazione per la certificazione.
  • A partire dal luglio 2018, i legittimi fornitori certificati di trattamento delle dipendenze LegitScript possono richiedere la certificazione con Google attraverso un modulo che pubblicheremo.

Il portavoce ha aggiunto: “Dopo le due certificazioni, gli inserzionisti possono quindi fare pubblicità su tutti i canali AdWords. Questo è lo stesso processo seguito dai nostri inserzionisti certificati per il settore farmaceutico. ” La precedente sospensione di queste pubblicità era dovuta al fatto che questa categoria fosse pronta per lo sfruttamento da parte di spammer e intermediari di terze parti, come fornitori di lead generation che stavano falsamente pubblicizzando servizi che non offrivano e quindi, a pagamento o “tangente”, passando il contatto risultante ai centri di trattamento.

Vantaggi e criticità della collaborazione tra Google e LegitScript

La decisione di Google di collaborare con LegitScript, un servizio di verifica e monitoraggio che le farmacie online utilizzano – e implementare un processo di certificazione in due fasi –  renderà molto più difficile per i fornitori di terze parti non di servizio sfruttare l’ecosistema di annunci di Google. Sarà anche più costoso. Dall’articolo Reuters: “LegitScript valuterà i fornitori di trattamento a partire da lunedì su 15 criteri, compresi i controlli dei precedenti penali e la verifica della licenza e dell’assicurazione.

Devono inoltre fornire “politiche e procedure scritte che dimostrino l’impegno verso le migliori pratiche, il recupero efficace e il miglioramento continuo”, secondo LegitScript, che addebiterà $ 995 in anticipo e $ 1,995 all’anno per la verifica.” Abbiamo chiesto a Google se potrebbe anche prendere in considerazione un metodo simile per consentire alla marijuana medica o ad altri fornitori legali di cannabis un meccanismo simile per il marketing tramite la piattaforma.

Secondo il portavoce, tuttavia, non c’è un tale cambiamento all’orizzonte. “Non permettiamo la pubblicità di marijuana perché il prodotto è illegale a livello federale. Seguiamo le normative pubblicitarie per l’assistenza sanitaria e la medicina, quindi ci aspettiamo che annunci e destinazioni seguano le leggi e gli standard industriali appropriati “. Autore:

Autore: Michelle Robbins 

Link: https://searchengineland.com

Share This Post
Ti è piaciuto l'articolo?
0 0