Google Maps: tutte le novità

Le mappe di Google rappresentano una delle funzioni più usate per le indicazioni stradali sul web e sui dispositivi mobili, tablet, cellulari e pc. Ma sono più di questo. Con le maps ora si possono visitare i luoghi con la sensazione di essere presenti fisicamente in ogni parte del globo grazie alla street view, si possono cercare servizi nei nostri dintorni come banche, negozi, ristoranti, alberghi.

È facile, quindi, comprendere come ottimizzare la presenza della nostra struttura commerciale sulle mappe sia indispensabile, considerata la potenza dello strumento Google Maps. Un’ottimizzazione corretta della scheda del nostro business ci permette di essere visualizzati da milioni di utenti che utilizzano le mappe che sono, ad oggi, un vero e proprio motore di ricerca. Questo ci aiuta soprattutto con le attività local e con quelle che lavorano prettamente con gli utenti locali.

Ottimizzare la scheda e, dunque, la presenza sulle mappe ci permetterà di avere traffico di qualità e in target verso il nostro sito. È fondamentale aggiornare costantemente le informazioni presenti nella scheda riguardo la nostra attività e sfruttare al meglio questo strumento gratuito e di grande interesse per il nostro business.

Buoni risultati nella ricerca sulle mappe possono portare risultati interessanti nella ricerca standard, aiutando il posizionamento del sito web dell’azienda. È importante, a tal proposito, lavorare per essere trovati dagli utenti per le parole chiave che ci interessano, pertinenti col nostro business.

Essere presenti su Google Maps con una scheda dettagliata e informazioni precise e aggiornate, quindi, aumenta il Trust e il potere e l’autorevolezza del Brand.

Problemi di controllo?

Il video pubblicato dall’artista Simon Weckert è diventato virale ed è stato visualizzato già milioni di volte, sarà capitato anche a voi. L’artista ha camminato per la strada spingendo un piccolo carretto rosso con dentro una serie di cellulari connessi su Google Maps. Questo ha fatto sì che sulle mappe risultasse un ingorgo stradale quando, come si evince dal video, sulla strada c’era solo Simon e il suo carretto rosso pieno di cellulari.

È, quindi, possibile ingannare Google e approfittare delle falle nel sistema di controllo del traffico? Si è possibile, perché, come tutto, sono fallibili anche sistemi considerati sicurissimi.

La risposta di Google, attraverso un suo portavoce, non ha tardato ad arrivare. Google, infatti, per conto del portavoce, ha dichiarato che in casi del genere la metodologia applica è quanti utenti sono connessi alle mappe a una velocità lenta, considerando questo parametro per identificare un ingorgo. Da Google, inoltre, hanno dichiarato che questi episodi aiutano la crescita dell’app e aiutano a migliorare i servizi, potenziando gli aggiornamenti e restringendo i cosiddetti bug.

Le novità di Google Maps

A inizio 2019 già erano state inserite tra le mappe i punti di ricarica delle auto elettriche sparse per il mondo e successivamente, intorno a dicembre, sono state anche inserite le stazioni di ricarica suddivise per tipo di connessione e allaccio, con la possibilità di impostare la predefinita e ottimizzare la ricerca.

Sono state anche fatte delle modifiche all’app sui dispositivi Android, semplificando la schermata e spostando alcuni elementi per un più facile accesso.

Un altro aggiornamento interessante permette ora di ricercare tra le recensioni di un luogo presente sulle schede di Google Maps attraverso la digitazione di parole chiave. Sopra l’elenco delle recensioni, infatti, si potrà digitare la parola chiave che interessa e scremare i risultati. Questa funzione, inizialmente apparsa sui dispositivi android, è ora disponibile solamente sulla ricerca web classica. Quel che è certo è che vengono fatti dei test, poi sviluppati e implementati con i vari aggiornamenti Ios e Android.

Google ha, inoltre lanciato una nuova funzione in grado di aiutare i 36 milioni di non vedenti in tutto il mondo e i 217 milioni di utenti con problemi gravi alla vista grazie all’introduzione sulle mappe della guida vocale. La nuova funzione garantirà una guida vocale efficace e precisa e ottimizzata per i percorsi a piedi.

Tante implementazioni anche nell’utilizzo delle mappe durante le vacanze con l’aggiunta da questa estate del tasto “prenotazioni” su cui caricare voli, biglietti e prenotazioni alberghiere e avere tutto connesso e a portata di mano. L’introduzione della funzione Live View per vedere più chiaramente le indicazioni a piedi con frecce semplificate e direzioni posizionate live nel vero senso della parola. E tutto questo grazie alla realtà aumentata. Con il timeline, infine, è possibile ripercorrere tutti i luoghi visitati una volta rientrati a casa, grazie a questo elenco dei luoghi.

Arriverà a breve, invece, la funzione che permetterà a Google Maps di pronunciare direttamente nella lingua di origine un luogo o indicazione ricercati e questo senza passare per Google Translate.

Google maps e Apple Maps

Sebbene Apple abbia implementato le sue mappe anche a livello grafico, Google Maps ha ancora tutti i numeri a suo favore. La sezione Google Earth, ad esempio, delle mappe, copre ben il 98% di tutti i posti presenti nel mondo, copertura che aggiunge un valore enorme alle mappe anche grazie alle immagini. Ma le immagini non sono solo immagini ma “sono al centro di tutto ciò che facciamo”, come affermato da Ethan Russell, direttore di Google Maps e riportato da cnet.com.

Con il nuovo aggiornamento le mappe di Apple hanno una grafica migliore, sono più dettagliate e precise e sono una più che valida alternativa a Google.

Le ambizioni di Google Maps

Che le mappe siano solo mappe e che l’app sia stata progettata solo per dare indicazioni stradali agli utenti questo è stato ampiamente escluso. A prova di questo ci sono tutte le funzioni integrate nelle mappe da Google negli ultimi anni, senza considerare tutto quello che verrà nei prossimi. Google maps sta cercando di diventare un vero e proprio aggregatore di informazioni (per Google) e di funzioni (per noi utenti).

CLAUDIO SCHIRRU È IL RESPONSABILE EDITORIALE DI WILD SEO MAGAZINE. PER LA IMG SOLUTIONS SI OCCUPA DELLA GESTIONE DEI SOCIAL NETWORK E DELLA PIANIFICAZIONE DELLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE.

Share This Post
Ti è piaciuto l'articolo?
0 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>